Home
 Calendario Lezioni
 Comitato scientifico
 Promotori e sostenitori
 Scuole partecipanti
 Tesine conclusive
 Rassegna stampa
 News
 Link
 Per informazioni
COMMISSARIO GIUSEPPE GILIBERTI ::..
DOMANDA:
Volevamo sapere se è legale scaricare file da programmi sharing quali Emule, Utorrent ecc. Essendo non legale non dovrebbero esserci i file di download dei programmi in internet. Alessio e Carlo

RISPOSTA:
Ciao Alessio e Carlo. Non è legale scaricare programmi che sono coperti dal diritto d’autore. In nessun caso. Se io invento qualcosa è giusto che mi venga remunerato lo sforzo. E così se il Sig. BILL GATES inventa VISTA è giusto che percepisca un guadagno qualora qualcuno lo utilizzi. E’ questa la ratio della legge sul diritto d’autore.


DOMANDA:
Quali sono le principali ragioni del comportamento prepotente?

RISPOSTA:
Solo ed esclusivamente la mancanza di educazione. Le cause del bullismo sono sempre da ricercare all’interno del mondo sociale in cui il giovane si è sviluppato.


DOMANDA:
Buongiorno, i cracker sono ritenuti dei soggetti informatici "pericolosi". Secondo lei possono essere interessati anche da atti di pedopornografia? La ringrazio per la sua attenzione e spero in una sua risposta.

RISPOSTA:
Ad oggi le nostre esperienze investigative non ci permettono di rispondere in maniera positiva alla tua domanda.


DOMANDA:
Salve. Come può essere eliminato il fenomeno del bullismo? Cri e Cia

RISPOSTA:
Ciao Cri e Cia, il Bullismo può essere limitato con una maggiore attenzione all’educazione dei nostri figli ed una maggiore attenzione ai veri problemi degli stessi. Con la prevenzione, con gli incotnri nelle scuole che anche noi della polizia postale e delle comunicazioni regolarmente facciamo.


DOMANDA:
Io non ho mai assistito a veri e propri fenomeni di bullismo, ma il bullismo verbale secondo me è molto peggio di quello fisico. Detto questo, alcuni miei compagni della scuola media offendevano, spesso anche in maniera pesante, una ragazza che non riusciva a difendersi ed era quindi costretta a subire. Io però non ho mai fatto quasi niente per difenderla, non sapevo cosa fare e me ne pento... Se mi ricapitasse una situazione del genere, cosa potrei fare?

RISPOSTA:
..... potresti per esempio dire la tua..... esprimere loro il tuo disappunto, solo così dimostri la tua personalità. Difendere le proprie idee e quelle degli altri più deboli ci rende più forti e ci fa crescere
Se poi il fenomeno diviene particolarmente grave puoi denunciare i fatti alla Polizia anche in forma anonima.


DOMANDA:
Come si può distruggere il bullismo nelle scuole?

RISPOSTA:
Con l’educazione, con incontri mirati, e anche con l’intervento degli stessi ragazzi vittime del bullismo, si può riuscire a far permeare l’idea di una società giusta basata sul rispetto.


DOMANDA:
Buongiorno, secondo lei l’ uso dell’ informatica e di Internet può in qualche modo condizionare i rapporti sociali di un soggetto? E se si in quali casi questo può succedere? Attendo una sua cortese risposta e nel frattempo le porgo cordiali saluti!

RISPOSTA:
Ciao e grazie. Si l’uso dell’ informatica e di Internet può condizionare i rapporti sociali di un soggetto. Si pensi all’ipotesi del ragazzo timido, ed introverso che riesce attraverso la rete a socializzare meglio che nella vita reale. Ebbene, il limite da non superare mai è quello della confusione tra mondo virtuale e mondo reale. Bisogna saper confrontare le due realtà e scinderle. Va bene conoscere sulla chat, ma l’incontro nella vita reale e tutt’altra cosa. Sulle chat ad esempio si può mentire molto più facilmente che guardandosi negli occhi. 


DOMANDA:

Come vengono tutelate le vittime del bullismo on-line?

RISPOSTA:
Con tutti gli strumenti previsti dalla legge e con l’intervento della Polizia delle Comunicazioni qualora il fatto ci venga segnalato.


DOMANDA:
Salve, nella lezione n°2, per quanto riguarda il paragrafo che parla di internet e computer crimes, non sono d’accordo quando dice che gli hacker sono pirati informatici buoni: lei che cosa ne pensa?
Arrivederci


RISPOSTA:

Caro Amico, il lessico utilizzato in informatica, risponde ad esigenze convenzionali che cercano di uniformare un linguaggio e renderlo universalmente comprensibile.
La parola Hacker, se lei consulta wikipedia all’indirizzo http://it.wikipedia.org/wiki/Hacker definisce l’hacker come una persona che si impegna nell’affrontare sfide intellettuali per aggirare o superare creativamente le limitazioni che gli vengono imposte, non limitatamente ai suoi ambiti d’interesse (che di solito comprendono l’informatica o l’ingegneria elettronica), ma in tutti gli aspetti della sua vita. Esiste un luogo comune, usato soprattutto dai media (a partire dagli anni ’80), per cui il termine hacker viene associato ai criminali informatici (la cui definizione corretta è, però, "cracker").
Perchè non è d? accordo con questa definizione ? Perchè crede che in realtà l’hacker possa fare danni? Beh, in effetti se un hacker fa danni diventa un cracker...che non si mangia però!



DOMANDA:
Secondo lei, i "cracker" possono diventare pericolosi anche dal punto di vista personale?
Grazie.


RISPOSTA:
Anche questa domanda sottende un livello di comprensione del fenomeno non comune e mi complimento. La risposta senza dubbio è positiva, anche se non avvalorata da precise esperienze statistiche. Un CRACKER, dal momento che viola un sistema informatico, è già pericoloso dal punto di vista personale; perchè un sistema informatico altro non è che un immenso contenitore di dati personali più o meno sensibili che, nelle mani del criminale, possono di sicuro determinare danni di carattere personale.
Si pensi ad un CRACKER che entra in un sistema informatico bancario: di fatto viene in possesso dei dati inerenti i nostri conti correnti, le nostre carte di credito il cui utilizzo successivo fraudolento provoca immensi danni di carattere personale.

 
CERCA NEL SITO  
 Cerca nel sito

AREA RISERVATA  
 Visualizza lezione  
 Archivio  
 Finestra degli Esperti  
 prof. Daniele La Barbera  
 prof.ssa Mariselda Tessarolo  
 Luca Castelli  
  prof. Giuseppe Lavenia  
 Commissario Giuseppe Giliberti  
 dott.ssa Ursula Napoli  
 prof.ssa Matilde Ferraro  
 dott.ssa Flavia Coffari