Un servizio per raccordare scuola e territorio

STUDIARE IN ::..
· Polesine >
· Italia >

LAVORARE IN POLESINE ::..
· Offerta lavoro >
· Stage e borse di studio >
· Concorsi >

SPAZIO EUROPA ::..
· Unione Europea >
· Università europee >
· Eurodesk >
· Viaggiare in Europa >

freccia(grafica) INFO LAVORO - INDIRIZZI UTILI

freccia(grafica) OSSERVATORIO

freccia(grafica) RICERCHE BIBLIOGRAFICHE

freccia(grafica) PATROCINI

freccia(grafica) LINK


Logo Unione Provincie d'Italia


Logo Provincia di Rovigo

freccia(grafica) SERVIZIO MANUTENZIONE

I MIGLIORI AUSPICI PER IL NUOVO ANNO SCOLASTICO

i migliori auspici per il nuovo anno scolasticoda parte dell'assessore Leonardo Raito.

Ai Dirigenti Scolastici, Al personale tutt, Agli studenti.

Carissimi,
sta per cominciare un nuovo anno scolastico che spero possa riservarvi le soddisfazioni attese. A pochi mesi dalla scadenza del mio mandato amministrativo, questo è l’ultimo saluto di inizio anno che vi indirizzo. Aver avuto la possibilità di lavorare con lo straordinario mondo della scuola pubblica è stato, per me, una grande soddisfazione; un’esperienza che mi ha arricchito e mi ha dato molto, e nella quale ho cercato di profondere tutto il mio impegno, fatto di studio, aggiornamento, dialogo e partecipazione ai tavoli decisionali a ogni livello. La conoscenza di voi tutti che ho maturato in questi anni, mi autorizza a guardare con fiducia al futuro della nostra scuola e del nostro paese. Ho scoperto progettualità affascinanti, ho incontrato intelligenze vivaci, ho trovato personale e studenti che credono in quello che fanno e che hanno voglia di misurarsi, di confrontarsi, di scoprire nuove prospettive. La scuola deve essere un punto fermo, una colonna portante per il rilancio della nostra cultura, per la costruzione di nuovi modelli di sviluppo capaci di premiare il merito, di rompere quelle barriere fatte di troppi condizionamenti o retaggi di un passato non più attuabili.




 Se mi guardo indietro, rivedo la mia esperienza di studente con i sogni e le speranze, che rispecchiano quelle che sono le vostre, oggi. Voi giovani siete gli attori protagonisti del nostro presente e del nostro futuro e se volete cambiare le cose lo potete fare. Avete le opportunità che giungono da un approccio nuovo ai problemi, derivante da una conoscenza che spazia anche grazie alle nuove tecnologie, agli scambi culturali, alla conoscenza delle lingue che diventano parte integrante di un bagaglio intellettuale che abbia come orizzonte almeno l’Europa. Vi esorto a mettere a disposizione queste esperienze per correggere i difetti che caratterizzano il nostro paese.

Il mondo della scuola è cambiato molto, negli anni, per cercare di stare al passo con i tempi. Molto si è fatto, ma tanto ancora c’è da fare. L’introduzione di una sempre più aggiornata tecnologia e di dotazioni laboratoriali d’avanguardia rappresenterà una tappa irrinunciabile per costruire maggiori occasioni. Un modello di scuola aperta, che sappia valorizzare le strutture e i rapporti col territorio, nel rispetto del concetto di autonomia, sarà una sfida a cui non ci si potrà sottrarre. In questa direzione abbiamo cercato di concentrare investimenti e sforzi, per fare in modo che la scuola secondaria di secondo grado polesana rispondesse alle esigenze dei nostri ragazzi, che l’offerta formativa potesse mettere tutti in condizione di seguire le proprie predisposizioni e assecondare le proprie capacità. Spero che la società italiana riconosca il ruolo vitale degli insegnanti, il loro lavoro come uno dei più fondamentali servizi che si fanno al paese, come avviene in gran parte d’Europa. Deve cessare la sottovalutazione di questa importanza, deve cessare un’opinione diffusa e denigratoria del lavoro pubblico, che tende a svilire, banalizzando, intere categorie.

Cercate tutti di svolgere al meglio e con il massimo impegno il compito che vi attende e non rinunciare a esercitare il vostro diritto di critica e di avere interlocutori disponibili al confronto. I grandi obiettivi si raggiungono col concorso di tutti e la grande famiglia della scuola polesana ha bisogno di collaborazione e di comunanza di intenti per diventare sempre più avanzata, sempre più vincente.

Un caro saluto.

Leonardo Raito
Assessore Provinciale alla Pubblica Istruzione




Torna indietro
Credits | Contattaci | ©2007